mercoledì 5 ottobre 2016

Recensione: Bugie pericolose di Becca Fitzpatrick


Autore - Becca Fitzpatrick
Editore - Piemme Freeway
Uscita - 27 Settembre 2016
Dettagli - 360 pg
Prezzo - 17,00 €

Stella Gordon non è il suo vero nome. Thunder Basin, in Nebraska, non è la sua vera casa. Questa non è la sua vera vita... ma dopo aver assistito all’omicidio dello spacciatore di sua mamma, è stata immediatamente inserita nel programma di protezione testimoni.

Stella però non ha nessuna intenzione di vivere lontano dal fidanzato, per di più in un posto dimenticato da Dio e dagli uomini. Risultato: fa di tutto per irritare chi dovrebbe proteggerla e, più in generale, chiunque incontri. Visto che non si tratterrà laggiù un minuto più del necessario, che senso ha farsi degli amici? Il ragionamento fila più o meno liscio, finché non conosce Chet Falconer che è giovane, dannatamente attraente e, più di ogni altra cosa, detesta le bugie.

Inizio subito dicendo che questa scrittrice è una conferma!
 Era come rileggere Black Ice, per quanto riguarda l'adrenalina, le emozioni forti ed i colpi di scena. Con il suo stile la Fitzpatrick riesce ad incuriosire, a voler scendere nei particolari minuziosamente perché non si ferma alle ovvietà, è come stare in un episodio di Sherlock Holmes. Infatti, la verità è contorta in maniera proporzionata al mistero da svelare e alle eventuali confessioni inattese, non ci si può di certo annoiare.
Stella, la protagonista, è decisamente una ragazza forte che combatte i suoi demoni, ma purtroppo da sola non riesce a vincere ed è qui che entrano in ballo le persone che non conosce e che non vorrebbe conoscere, eppure riescono a fare breccia in lei. Si trova a rivalutare alcuni aspetti della sua vita, compresi i suoi sentimenti, la persona che crede di amare e il "rapporto" con sua madre. Dovrà prendere una decisione e solo quando avrà scelto se continuare a mentire o dire la verità potrà scegliere chi essere:  la vecchia sé o una ragazza che non esiste ma che è molto più vicina ad essere vera?
Per chi crede la storia contenga un triangolo amoroso posso solo dire che non è effettivamente così, i ricordi di una persona non sono lei, sono immagini immateriali, flashback... Il triangolo più che altro è tra continuare a credere alle favole e alle bugie che ci si racconta o prendere la vita di petto e rischiare di darsi una possibilità, per cui è una di quelle classiche storie dove la protagonista non sa se lasciarsi andare o meno, ma le sorprese non mancano.
L'unico punto su cui sono in dubbio è lasciare in sospeso un personaggio, scelto sicuramente non a caso, ciò non chiarisce del tutto uno dei misteri che vengono svelati mano a mano che il libro si appresta a finire ma allo stesso tempo credo abbia un suo perché.



Grazie alla Piemme per la copia omaggio!



7 commenti:

  1. Risposte
    1. Anch'io nonostante non ami particolarmente la Fitzpatrick.

      Elimina
  2. Questo libro sono sempre più indecisa se leggerlo o meno, nel senso che sto leggendo recensioni davvero contrastanti. La tua è molto bella e mi ha convinto a leggerlo per farmi un'idea personale perchè alla fine il gusto diventa importantissimo se un libro ci piace o meno.
    Grazie e a presto

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie mille a te, Susy, per il complimento a Marianna ^_^ la recensione è sua. Io ancora non mi sono decisa a leggerlo ma non perché non mi intriga ma per mancanza di tempo tra una lettura arretrata e l'altra XD Spero ti piaccia questo nuovo libro della Fitzpatrick ;)

      Elimina
  3. Di quest'autrice ho "Il bacio dell'angelo caduto", ma ancora non l'ho letto. Anche questo devo dire che sembra interessante.

    RispondiElimina
  4. Conosco quest'autrice, ma non ho ancora letto nulla di suo.
    Per il mio compleanno una mia amica mi ha regalato il libro " Il bacio dell'angelo caduto " Perchè a lei era piaciuto moltissimo, ma non ho ancora avuto modo di leggerlo...
    Come hai detto tu, l'autrice è una conferma quindi mi sa che comprerò anche questo libro, sperando di leggerlo quanto prima :)

    RispondiElimina
  5. Conosco questa autrice di fama ma non ho ancora letto nulla di suo anche se questo libro mi ispira parecchio

    RispondiElimina