lunedì 26 settembre 2016

Recensione: Al posto tuo di Michelle Painchaid




Autore - Michelle Painchaud
Pagine - 276
Prezzo - 17,00 € cartaceo

Erica Silverman fu rapita all’età di quattro anni. Da allora nessuno l’ha più vista. Sono passati tredici anni, ma i suoi geni tori multimilionari non hanno mai smesso di cercarla, e non hanno badato a spese per farlo. Poi, il miracolo accade.
Erica ricompare.
Ha diciassette anni ora. Anni interi della sua vita sono stati cancellati. È molto provata e arrabbiata. E deve imparare di nuovo chi è e da dove viene.
Ma c’è un particolare, di cui quasi nessuno è a conoscenza: lei non è Erica Silverman.
Violet è la figlia adottiva del più grande truffatore di Las Vegas. Ha passato la sua intera esistenza a prepararsi a vestire i panni di una ragazza che non ha mai conosciuto. Ha lo stesso gruppo sanguigno di Erica, e, grazie alla chirurgia plastica e all’inganno, anche la sua stessa faccia, il suo stesso corpo e il suo stesso DNA. E poi conosce ogni dettaglio della vita dei Silverman, così come è perfettamente in grado di simula re i sintomi del disturbo post traumatico da stress che le servirà per ingannarli. Perché il piano agghiacciante di suo padre ha uno scopo ben preciso: farla rimanere abbastanza a lungo a casa Silverman per rubare un quadro leggendario di loro proprietà.
Ma una volta entrata a far parte, per la prima volta nella sua vita, di una vera famiglia, qualcosa in Violet inizia a incrinarsi. Quando la tua vita è stata plasmata sulla manipolazione e l’inganno, il rischio inevitabile è di perderti nelle tue stesse bugie.



Il libro presenta una matassa da sgrovigliare. La verità di quello che è successo a Erica non è il problema principale, un segreto misterioso di cui non si sa nulla. Violet dopo non molte pagine confessa gran parte della sua missione e questa non è una pecca in quanto l'attesa di scoprire come andrà a concludersi la vicenda rende la storia comunque interessante.
L'autrice, infatti, non gira in torno alla vicende a lungo, ha uno stile veloce, sgancia informazioni senza voltarsi indietro a pesare le parole divulgate. Ciò può essere un difetto ma contemporaneamente, in qualche modo, si riesce ad assimilare ogni dettaglio rivelato.
Il finale che questa storia avrà non è deducibile, neppure immaginabile. Neppure la mente più fervida potrebbe sgrovigliare quell'enorme matassa che si ingigantisce insieme alla recita di Violet e questo è sicuramente un pregio non da poco. Aggiungo, pero, che il modo in cui termina lascia un leggero retrogusto amaro. Non aspettatevi troppo perché se cercate un finale da favola dove dirigervi altrove ma se volete il fiato sospeso seguito da un sospiro beh...allora capitate bene.  Avrebbe potuto concludersi in tanti modi diversi,  ma ciò che rende bella questa storia sta proprio nel modo in cui è scritta, in cui procede e in cui finisce per evolversi. Non è eccessivamente ricca di dettagli sopratutto sull'ultimo punto ed i personaggi per quanto si voglia rimangono un tantino astratti ma non è necessariamente un male è come rimanere per metà nella realtà che conosciamo e per un'altra in un universo a parte. Sarebbe stato troppo facile mettere in chiaro tutto, come al microscopio. Ciò che viene rivelato inizialmente troppo in fratta viene, infatti, equilibrato proprio con quella voglia di saperne di più con cui termina.


Grazie mille alla Mondadori per la copia omaggio! <3

3 commenti:

  1. Ciao! Sembra un libro interessante ;) lo aggiungo alla WL!

    RispondiElimina
  2. Ciao marianna, una bella recensione, adesso so davvero cosa aspettarmi da questo romanzo, mi ha da subito incuriosita <3

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Mi fa piacere, felice di esserti stata d'aiuto!

      Elimina