lunedì 11 aprile 2016

Recensione - Quindici minuti di Jill Cooper


Titolo  Quindici Minuti (The Rewind Agency Vol. I)
Autore Jill Cooper
Genere Techno-Thriller / Young Adult
Pagine 234
Prezzo 3,99 ebook (gratis per kindle unlimited)
Data di uscita 23 febbraio 
Link di acquisto: http://goo.gl/NKaHhY

Il futuro può essere un luogo pericoloso se hai cambiato il passato…

Quindici minuti. È tutto ciò che la Rewind concede a una persona quando viaggia nel passato, ma per Lara Crane è abbastanza per trovare sua madre e impedirne l’assassinio nel corso di una rapina avvenuta dieci anni prima. Ma la storia che le è stata raccontata per tutta la vita è una menzogna. Quando Lara viene colpita dal proiettile che avrebbe dovuto uccidere sua madre, il suo futuro cambia per sempre: nuova casa, nuovi amici e nuovo ragazzo. E ora suo padre è in prigione. In una linea temporale che non riesce a comprendere, Lara sta per commettere un errore fatale e dovrà confrontarsi con un avversario che conosce molto bene… perché fa parte della sua famiglia.


GIUDIZIO PERSONALE:

Chi, se ne avesse l'opportunità, non andrebbe indietro nel tempo per rivivere l'emozione di un determinato momento? Nel mondo creato dalla Cooper, questo è possibile grazie alla Rewind, un'agenzia di viaggi nel tempo che nasconde molti intrighi e sarà il fulcro di questa avventura ricca di suspense e amore. Ci ho messo un bel pò a decidermi a scrivere questa recensione perché, sinceramente, sono rimasta combattuta sul come giudicare la lettura. Se da una parte mi è piaciuto, dall'altra non mi ha entusiasmato come credevo arrivando addirittura ad annoiarmi. L'idea base dei viaggi del tempo è ottima e la protagonista mi è piaciuta ma quello che non mi ha convinto è stata la parte romantica in cui il triangolo mi è risultato pesante. Un tira e molla tra due affascinanti ragazzi che mi ha procurato un gran mal di testa.


Malore da viaggi nel tempo. La convergenza tra vecchi e nuovi ricordi. Pensavo di riuscire a evitarla. Pensavo che a me non sarebbe accaduto, ma ora mi sta colpendo, con forza.
   Devo trovare mio padre. Devo riabilitare il suo nome prima che i ricordi di me che crescevo con lui e stavo con Rick ven­gano cancellati dai nuovi. O, peggio, prima che io soffra di emorra­gia cerebrale e muoia.

Lara è una normale adolescente che è cresciuta solo con il padre in un quartiere povero. Sua madre, Miranda, è morta assassinata e per riaverla nella sua vita, la ragazza infrangerà le regole per i viaggi nel tempo e cambierà gli eventi. Nonostante gli avvertimenti del suo ragazzo, Rick, Lara andrà nel passato e salverà la madre dal suo assassino ma quando ritornerà al presente, nulla sarà come l'aveva lasciato. Sua madre sarà viva e vegeta ma sposata con un altro uomo, suo padre in prigione accusato di aver tentato di assassinare la moglie, avrà un fidanzato che non è Rick e un fratello e una sorella davvero adorabili. I ricordi dell'altro tempo si combattono con quelli del tempo attuale nella testa della ragazza creandoli forti emicranie che potrebbero portarla alla morte. Quindi ha i minuti contati per scoprire come sistemare le cose e scoprire la verità sul tentato omicidio della madre e intrighi riguardanti la Rewind.

La protagonista è stata fantastica, molto determinata e coraggiosa. E' assolutamente da ammirare per questo. A scombussolarle ulteriormente la vita ci sarà la lotta nel suo cuore tra due persone speciali, Rick e Donovan. Sono diversi come il giorno e la notte, da una parte uno squattrinato ragazzo di periferia e dall'altra un ricco e viziato figlio di un pezzo grosso. Ma hanno una cosa in comune, i loro sentimenti per Lara. Peccato solo che uno di loro mi abbia davvero deluso come principe azzurro. 


L’amore che provavo tra le braccia di Donovan rimane den­tro di me anche mentre il volto di Rick torna nella mia visuale. Il suo viso, quello che adoro, si confonde con i sentimenti che ho per Donovan. È stata una visione potente e posso capire adesso – se stavamo davvero pianificando questa grande cosa all’insaputa di tutti – perché si è arrabbiato così tanto per il mio comportamento. Ho praticamente distrutto la sua vita con un singolo atto d’egoismo. Tutto ciò che ho fatto fino a quando hanno rapito Molly è stato egoistico. Ho riportato indietro la mamma dal tempo e ora il tempo vuole la sua parte, a comin­ciare dal mio cervello.

A parte il triangolo amoroso, devo aggiungere che non ho trovato una madre così odiosa da Jocelyn della serie Shadowhunters. Dovrei detestare l'antagonista tuttavia ho trovato più irritante Miranda a volte. Tutto questo casino temporale perché Lara potesse riabbracciarla per poi scoprire retroscena che coinvolgono anche la cara mammina. Ma a parte questo, la storia è stata emozionante, ricca di colpi di scena che lasciano senza fiato. Un time travel dalla trama intrecciata e complessa che trascina il lettore fino all'ultima pagina. Quindici minuti di pura adrenalina.


e mezzo

Grazie mille alla Dunwich per la copia omaggio <3





Nessun commento:

Posta un commento