martedì 5 aprile 2016

Book Blitz - Surviving High School di Lele Pons e Melissa de la Cruz



Sembra un manuale di sopravvivenza alle superiori XD Può esserlo quanto non esserlo. Oggi sono un pò in vena di frasi sibilline :P Dalla copertina può sembrare anche una commedia ma quello che mi ha incuriosito è il fatto che è stato scritto a quattro mani con l'autrice di un libro che mi ha intenerito: L'Isola degli Sperduti (da cui è tratto il film Disney Descendant). Andiamo a conoscere questa simpatica uscita.


Surviving High School
Lele Pons & Melissa de la Cruz
Pubblicato da: Gallery Books
Data di uscita: 5 Aprile 2016
Genere: Contemporaneo, Young Adult
La superstar di Vine Lele Pons—“una delle ragazze più cool nel web” (Teen Vogue)—si è unita con l'autrice di bestseller #1 del New York Times Melissa de la Cruz (The Isle of the Lost) in questo adorabile romanzo di debutto riguardo alle spericolatezze e le meraviglie del liceo che crea un'esilarante dipendenza come i popolari video di Lele.
Dieci milioni di follower e ancora mi siedo da sola a pranzo. Lele è presa di mira nella sua nuova scuola a Miami finché,  at her new school in Miami until, durante la notte, la sua fama digitale catapulta la ragazza in un look cheerleader, una personalità seriamente stupida, e diventa un autoironica e divertente perdigiorno tra il gruppo dei popolari. Ora lei è di fronte a tutta una nuova serie di sfide -inesorabili drammi, spietati clichè, inaspettata celebrità su internet - il tutto cercando di mantenere i suoi voti e rendere i suoi genitori orgogliosi.
Riempito con l'entusiasmo demenziale che ha fatto Lele la star più vista di Vite, questo affascinante romanzo è la prova che il liceo è un viaggio. Dalle moltitudini di cotte (cosa succede con quello studente figo appena trasferito, Alexei ??) a credere a particolari falsi su foto con i tuoi migliori amici e lamentarsi dei compiti a casa (GAH) con i nemiciamici, il liceo è un ottovolante con esilaranti alti e totalmente imbarazzanti bassi. Lascia fare a Lele a rassicurarci che fare fiasco all'apparenza non è sicuramente la fine del mondo. Le fan di Mean Girls ameranno questa divertente e commuovente storia di un pesce fuor d'acqua.


LEGGI IL PROLOGO:

To my lovely and beautiful readers. Before I tell you the story of how I vowed to survive high school, I’d like to talk about something near and dear to my heart.
See, every human being (and most animals, I find) have their own unique essence, an essence comprised of deeply rooted qualities that make them who they are. Ancient Greek philosophers would refer to this as the “soul”—but I am not an ancient Greek philosopher, I am a teenage girl, and so I will call it Lele-ness. Of course, you wouldn’t call it Lele-ness, you would call it Sara-ness or Jason-ness, or whatever your name might be.
My point is: I believe that YOU-ness is something very special, no matter who you are, and it ought to be celebrated. So I shall now tell you how I came to be truly Lele, a person I love for better or for worse.
Of course, part of your essence comes into this world with you at birth, but it’s really what happens next that starts to shape you into you. I was born in Caracas, a major city in Venezuela, but quickly moved to the countryside where I—get this—lived in a barn. I mean, can you even? Picture this: baby Lele running barefoot through cornfields miles and miles away from civilization.
I didn’t have dogs or cats as pets, instead I had baby tigers and monkeys as close friends. My whole childhood I knew nothing of shopping malls or (gasp!) the internet. For entertainment I had only nature—bird-watching and berry picking and, best of all, stargazing.
For as long as I can remember, language has been a struggle for me. Words didn’t come to me as a child, so I used my body to communicate. It felt so much more natural to express my- self that way. I felt comfortable drawing out my thoughts and feelings, instead of verbalizing them, so I’d often draw out storyboards—sometimes eight pages long—to explain to my parents or teachers what it was that I wanted. Everyone has their strengths and their weaknesses: for me, artwork and movement were strengths, while speaking to others using words was a weakness.
Now take all of that and add immigrating to the United States, and you have a potential disaster on your hands. I knew nothing about American culture, and my differences paralyzed me with anxiety. For comfort and peace of mind, I turned to entertainment. I found I was embraced by my peers for being physically dramatic and, well, funny. I found that I knew how to make people laugh, and so I held on to that as a life raft in the sea of the most confusing and alienating time in my life.
I believe it was my wild upbringing plus my verbal disadvantages that led me to be the performer and one-of-a-kind weirdo with a heart of gold that I am today. It’s not always easy being Lele, but every morning when I wake up I say, “Bring it on,” and that attitude is what has taken me on this incredible journey.
I encourage you to think about the life events and circumstances that have made you truly YOU, and to celebrate every single part of yourself—the strong, the weak, the good, the bad, and the ugly— because each part contributes to making you special and AMAZING. Trust me.
So that is the story of how I developed my Lele essence. What follows is the story of how I survived my first year at Miami High and how I got to share my message with almost ten million followers. I hope you enjoy it!
XO Lele

BIOGRAFIA AUTRICI: 
Lele Pons è nata a Caracas, Venezuela e si è trasferita con la sua famiglia a Miami quando aveva cinque anni. Ha avuto il suo debutto quando ha creato una pagina nell'app per le condivisioni video Vine nel Dicembre 2013. In origine era un divertente sfogo per mostrare la sua creatività, i suoi vines sono evoluti in vignette comiche e ha tirato scherzi pratici sulla famiglia e sugli amici. Il suo seguito è cresciuto da cinque mila followers a più di dieci milioni da Novembre 2015.
Oggi è una dei nomi più conosciuti nei social media, Today she is one of the most recognizable names on social media, è stata icona in Vanity Fair, The New York Times, Teen Vogue, Time, e tanti altri. Lele è stata nominata per tre Teen Choice Awards, un People’s Choice Award, e un Streamy Award. Nel 2015, è stata invitata alla Casa Bianca dalla First Lady Michelle Obama per aiutarla a lanciare la sua campagna per i bambini svantaggiati per andare al college. Lele ha finito il liceo nel 2015 e attualmente vive a Los Angeles, CA. 
Melissa de la Cruz è l'autrice di bestseller #1 nel New York Times di libri per lettori di tutte le età, inclusi the Witches of East End, Blue Bloods, e la serie Descendants.

TRAMA E BIOGRAFIA TRADOTTI DA ANGELTANY, SE PRELEVATE CITATE LA VOLTE, GRAZIE.


Grazie mille alla Xpresso Book Tours per avermi permesso di partecipare a questo blitz <3
XBTBanner1


6 commenti:

  1. Perchè è in inglese, perchè? T.T
    Il mondo mi odia >.<

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ahahahah no, vuole farti passare al lato oscuro :P Convertiti e impara a leggere in lingua ahahahahah

      Elimina
  2. Ciao! :) Ho scoperto il blog grazie al blog tour di Red Rising e mi sono fermata :) E' davvero carino! *_*
    E questo libro sembra promettente!! :)

    RispondiElimina
  3. Ciao! Grazie, Siannalyn <3 spero mi verrai spesso a trovare.

    RispondiElimina
  4. Mi ispira davvero tanto - ah, i terribili anni di scuola superiore! xD

    RispondiElimina