giovedì 28 aprile 2016

Blog Tour "Poldark" Tappa #3 - A spasso con Poldark


Buondì, signori e signore! Oggi è il mio turno di farvi compagnia in questo profondo viaggio alla scoperta del romanzo che a suo tempo ebbe un enorme successo e ancora adesso riesce a far palpitare il cuore di milioni di lettori. Un classico dal fascino irresistibile da cui hanno tratto perfino due telefilm di cui il più recente con il nostro amatissimo e affascinantissimo Aidan Turner. Ecco, immaginatevi che sia lui ha farvi fare questa passeggiata nella verdeggiante Cornovaglia del fine 700 e, mie care signore, avrete gli occhi a cuoricino per tutta la giornata.



Autore - Winston Graham
Serie - Poldark #1
Editore - Sonzogno
Genere - Storico
Uscita - 5 Maggio 2016
Pagine - 432
Prezzo - 18,50 € cartaceo

Cornovaglia,1783. Ross Poldark, figlio di un piccolo possidente morto da poco, torna a casa, esausto e provato, dopo aver combattuto per l'esercito inglese nella Rivoluzione Americana.
Ora è un uomo maturo, non più l'avventato ed estroverso ragazzo che aveva dovuto abbandonare l'Inghilterra per problemi con la legge. Desidera soltanto lasciarsi il passato alle spalle e riabbracciare la sua promessa sposa, la bella Elizabeth.
La sera stessa del suo arrivo, però, scopre che, anche a causa di voci che lo davano morto, la donna sta per convolare a nozze con un altro uomo. Non solo: Nampara, la casa avita, si trova in uno stato di abbandono, cui ha contribuito anche una coppia di servi, fedeli ma ubriaconi.
Devastato dalla perdita del suo grande amore, Ross decide di rimettere in sesto Nampara e di concentrarsi sugli affari che il padre ha lasciato andare a rotoli, tornando a coltivare le terre e lanciandosi nell'apertura di una nuova miniera. Viene aiutato dall'affezionata Verity, dai due servi e da Demelza, una rozza ma vivace ragazzina che ha salvato da un pestaggio e che, impietosito, ha preso a lavorare con sé come sguattera.




Siete mai stati in Cornovaglia? Ai giorni nostri è una meta molto appetibile per i surfisti e per chi ama esplorare antiche miniere, scogliere e le brughiere dal fascino mozzafiato. La Cornovaglia ( in cornico Kernow e in inglese Cornwall) è da sempre la contea che frutta meno alla nazione dal punto di vista economico generale ma contribuisce bene nel campo del turismo.
E' una delle sei nazioni celtiche (no, non sono le sei nazioni di rugby XD) insieme alla Bretagna, il Galles, l'Irlanda, l'Isola di Man e la Scozia. Significa che è una delle poche zone in cui si possono trovare ancora caratteristiche culturali legate a quella celtica. Come ad esempio la lingua: quella locale della Cornovaglia è il cornico - appunto, una lingua celtica - ed è di conseguenza imparentata con il gallese e il bretone.
E' una contea verdeggiante, povera di boschi ma ricca di brughiere e scogliere molto alte. Si trova a sud-ovest del Regno unito confinante a est con il Devon e per il resto è bagnato dall'Oceano Atlantico. Il suo clima è molto ventoso e imprevedibile ma essendo a sud ed influenzato dalla Corrente del Golfo è più mite e soleggiato rispetto al resto della Nazione quindi armatevi di giacche a vento se volete andarci.
La Cornovaglia è da tempo immemore grande portatrice di stagno e rame, e la loro economia si è basata per anni su questo. Lo stesso protagonista, Poldark, ha la sua miniera da mandare avanti, e all'epoca c'era questo oltre alla pesca e l'agricoltura. Insomma non avevano molta scelta di lavoro mentre adesso le attività minerarie sono diminuite e puntano più sul turismo e le industrie creative

Ed ora passiamo alle zone specifiche raccontate nel romanzo e alle location usate nel telefilm.


Riconosceva ogni cosa e gli sembrava di essere già arrivato a casa. La stretta strada acciottolata percorsa da un rivoletto d’acqua, le case basse costruite a ridosso le une delle altre, con bovindi e tende di pizzo dietro cui si potevano vedere volti intenti a osservare l’arrivo della carrozza, e persino le voci dei postiglioni sembravano già diverse, più familiari.
       Un tempo, Truro era stata il centro della “vita” per lui e la sua famiglia. Città portuale e sede della coinage hall, dove i metalli venivano saggiati, fulcro del commercio e della moda, la città era cresciuta rapidamente negli ultimi anni: nuove case signorili erano sorte in mezzo alla disordinata calca di quelle vecchie e avevano segnato l’adozione di Truro come residenza invernale da parte di alcune delle famiglie più antiche e potenti della Cornovaglia. Anche la nuova aristocrazia stava lasciando il suo marchio: famiglie un tempo umili come i Lemon, i Treworthy e i Warleggan si erano fatte strada grazie alla nuova industria.
       Uno strano luogo. Ross lo sentiva ancora di più adesso che era tornato. Una piccola ma importante città schiva e riservata, racchiusa tra le pieghe delle colline e i molti corsi d’acqua, quasi circondata dai fiumi e collegata al resto del mondo per mezzo di guadi, ponti e passatoi di pietra. Il miasma e le altre febbri erano ordinaria amministrazione.

Truro è ancora adesso una delle più importanti città della Cornovaglia. Un tempo, esattamente nel diciottesimo e diciannovesimo secolo, era una delle più importanti sedi industriali del sud-ovest del Regno Unito ma ora non è rimasto quasi o più niente di quegli anni d'oro. E' anche sede del Coinage Hall, edificio dove all'epoca veniva portato lo stagno fuso da analizzare prima di essere esportato, mentre ora viene usato per le vendite al dettaglioAttualmente Truro è il capoluogo amministrativo della contea dove si riunisce il Consiglio e, piccola parentesi per gli appassionati dei Queen e degli scacchi, è la città dove è vissuto per un pò Roger Taylor e dove è nato il grande maestro degli scacchi Michael Adams.
In fondo alla valle l’aria era immobile. Il rumore gorgogliante delle acque del Mellingey per un po’ era svanito, ma ora ricomparve simile ai mormorii di una donna anziana e fragile. Un gufo lanciò il suo richiamo e si librò silenzioso nel buio, davanti a lui. La pioggia sgocciolava dalla tesa del cappello. Ed ecco, più in là nell’oscurità morbida e piena di sospiri, i nitidi contorni di Nampara House.
     Ross rimase colpito nel notare che la casa era più piccola, più bassa e più squadrata di quanto ricordasse; si dipanava disordinata come una schiera di baracche di minatori. Non c’era una sola luce accesa. Arrivato all’albero di lillà, che ormai era cresciuto al punto di nascondere le finestre, si fermò, legò la cavalla e bussò con il frustino alla porta d’ingresso.
     Lì la pioggia era caduta copiosa e rivoli d’acqua scendevano ancora dal tetto formando pozzanghere sul sentiero invaso dalle erbacce. Ross spinse la porta, che si aprì con un cigolio ostacolata da una pila di cianfrusaglie abbandonate sul pavimento, poi gettò un’occhiata nell’ingresso dal soffitto basso e con le travi irregolari.
     Solo l’oscurità gli diede il benvenuto, un’oscurità così densa che al confronto la notte fuori sembrava grigia.

Nampara è il cottage di proprietà di Poldark che lui ritrova in decadenza dopo essere tornato dalla Guerra.  Per la location nel telefilm hanno usato la Manor Farm nella zona mineraria di Botallack. Nella costa che collega quest'ultimo alle miniere di Levant sono state girate molte scene che coinvolgono Wheal Leisure, la miniera di Poldark.



Bodmin Moor e' una brughiera di grande bellezza ed è uno dei cinque plutoni di granito della Cornovaglia. E' un'area a cui sono legate molti miti come quelli del ciclo di re Artù ed è l'unico posto dove cresce un muschio raro, il Cornish Path Moss. Questa brughiera ha offerto scene mozzafiato al telefilm e rappresenta la location per la parte esterna di Nampara.



Passiamo ad altre luoghi dove Aidan e il suo gruppo hanno fatto tappa per le riprese.

Gunwalloe è una delle spiaggie della Cornovaglia e fa parte della penisola di Lizard. Nel lato nord della spiaggia, chiamato Church Cove, è situata la piccola chiesa di San Wynwallow.



Charlestown è una città portuale che veniva usata per il trasporto del rame e del caolino estratto dalle miniere di St Austell. E, altra piccola parentesi, è stata anche una delle location per il film di Tim Burton, Alice in Wonderland.




Porthgwarra è un piccolo villaggio di pescatori e una bellissima baia ricoperta di fiori selvatici. Chissà se la scena di lui che si fa il bagno nell'oceano non sia stato girato qui :P C'era da controllare.



Poi c'è Padstow altra città costiera dove sono state girate altre scene nelle scogliere. Alcuni la conoscono perché ospita ogni 1 Maggio la festa di 'Obby 'Oss.



E per ultimo c'è St Agnes Head, località balneare usata nel telefilm per rappresentare la valle di Nampara e dove viene girata una scena davvero straziante tra Poldark e Demelza.



Ringrazio per le foto Rory del blog Il colore dei Libri, la BBC One e IWalkCornwall



GIVEAWAY:

OBBLIGATORIO:
-Mettete la vostra email SOLO nel form non nei commenti così che vi contatteremo in caso di vincita.
-Diventare follower dei blog partecipanti.
-Commentare tutte le tappe esprimendo le vostre opinioni in proposito.

FACOLTATIVO:
-Mettere MI PIACE alla pagina facebook di Sonzogno e diventarne follower su Twitter
-Condividere l'iniziativa nei vari social.



CALENDARIO:


26 Aprile LIBER ARCANUS
Alla scoperta di Poldark: Presentazione del libro con incipit, 
card scaricabili di Aidan Turner e info per richiedere autografo

La moda ai tempi di Poldark: Abiti dell'epoca

A spasso con Poldark: Ambientazione

29 Aprile LA FENICE BOOK
A pranzo con Poldark: Ricetta tipica della Cornovaglia

Poldark dal libro allo schermo: Confronto tra libro e telefilm 

3 Maggio BOOKISH ADVISOR
Quattro chiacchiere con Poldark: Intervista ad Aidan Turner 

Poldark - il libro 70 anni dopo: Recensione in anteprima


Spero che vi sia piaciuta questa passeggiata e vi do appuntamento domani sul blog La Fenice Book per pranzare insieme con una ricetta cornica. A presto!

16 commenti:

  1. Non sono mai stata in Cornovaglia ma mi piacerebbe tantissimo *___* L'ambientazione è una delle cose che adoro, proprio perché sono incredibilmente suggestive e mi mettono una grande voglia di viaggiare per scoprirle!

    RispondiElimina
  2. Dopo la tappa degli abiti, le locations mi fanno dire #AddioMondo. Non è un segreto per nessuno che la sottoscritta straveda per tutti i paesaggi della Gran Bretagna, con una predilezione per la Scozia (in particolare le Ebridi). La Cornovaglia l'ho conosciuta grazie a Marion Zimmer Bradley e alle Nebbie di Avalon, il Castello di Tintagel .. mi stoppo qui altrimenti potrei parlare per ore XD
    Che dire, amo il cottage di Poldark così intimo e semplice :3

    RispondiElimina
  3. Bellissima tappa e le foto stupende.
    La Cornovaglia la conosco fin da piccola appunto come la zona più ventosa della penisola - non ricordo nemmeno il primo libro in cui l'ho sentita nominare, ma questa cosa mi è rimasta impressa.
    Quindi per me Cornovaglia è uguale a "vento" fin da piccola, ma sono contenta di aver scoperto altri aspetti di lei che ancora non conoscevo.

    RispondiElimina
  4. Purtroppo non ho ancora avuto la possibilità di visitare questi luoghi! Da sempre, a pelle, avevo il desiderio di visitare la Scozia, ma seguendo la serie, ho rivalutato l'idea della Cornovaglia! Tappa fissa del mio ipotetico viaggio saranno Wheal Leisure e Porthgwarra, a mio avviso meravigliose!
    Complimenti, tappa davvero interessante!

    RispondiElimina
  5. Ambientazione meraviglia,sicuramente un posto da visitare,quei posti mi danno sempre un senso di antici,romanzesco,affascinante. Il cottage...mi piacerebbe vederlo da vivo

    RispondiElimina
  6. Un ambientazione magnifica in un periodo storico altrettanto coinvolgente, esce fuori un libro da favola. sarebbe bellissimo visitare tutti questi spenditi luoghi.

    RispondiElimina
  7. Davvero una tappa stupenda!Adoro la Cornovaglia, vorrei tanto visitarla perchè mi affascina da sempre!I luoghi che hai descritto sono veramente meravigliosi:) questo romanzo mi piace sempre di più

    RispondiElimina
  8. Adoro quelle atmosfere! Galles, cornovaglia ecc, magari ci potessi andare un giorno! Luoghi meravigliosi!

    RispondiElimina
  9. foto meravigliose e i posti? spettacolariiii

    RispondiElimina
  10. Ho visto la prima stagione in lingua originale. Bellissimo <3

    RispondiElimina
  11. Sono dei luoghi bellissimi,suggestivi,anche magici e ricchi di storia. Mi piacerebbe poterli visitare un giorno.

    RispondiElimina
  12. Che bello *________*
    Io amo Londra, ma in generale tutto il Regno Unito, quindi Scozia e Cornovaglia sono nella mia lista dei luoghi da visitare prima o poi! *w*

    RispondiElimina
  13. Ambientazioni a dir poco SPETTACOLOARI!La Cornovagliasi miei occhi è un luogo "incantato".
    Poi passiamo a Padstow... beh, sto guardando quella foto mentre da me piove e fa freddo ...immaginate il mio stato d'animo. :)

    RispondiElimina
  14. Vengo adesso da Londra e vedendo questi posti mi piacerebbe un giorno visitare anche questa

    RispondiElimina
  15. La Cornovaglia dev'essere bellissima, spero di poterla visitare un giorno :)

    RispondiElimina