domenica 3 gennaio 2016

Recensione - Crystallum di Laney McMann


Crystallum 
Laney McMann
(Primordial Principles #1)
Editore: Booktrope Publishing
Uscita: 25 Ottobre 2015
Genere: Urban Fantasy, Young Adult


Trama (tradotta da me, AngelTany)

Kadence Sparrow non era nata come figlia del diavolo – ci è diventata. Ora, nasconde la sua vera identità e fugge per salvarsi la vita.
Per anni, la vera natura di Kade si è nascosta dietro un'illusione, così quando suo padre si trasferisce di nuovo per lavoro, sa la prassi: nessun amico intimo, nessun ragazzo, e cosa più importante: non esporsi. Mai. Mantenere i segreti è facile. Le menzogne sono la sua seconda natura. Così come la solitudine – e la paura, ma quando l'Ombra attacca e Kade incontra Cole Spires, lei potrebbe mostrare tutto ciò che ha provato a nascondere.
Come Figlio Celeste, Cole vive seguendo un giuramento: difendere la Guardia, proteggere la razza Primordiale, salvaguardare le evasioni e restare fedele a se stesso. Tutto il resto è una distrazione, e inoltre ha già perso abbastanza. Il lavoro di Cole è chiaro, e nessuno della sua età lo sa fare meglio. Quindi, quando lui incontra Kade in un club in centro, presume che lei voglia solo attirare la sua attenzione. Come molte ragazze fanno, ma Cole presto realizza.... che Kade non è come le altre.
I figli del paradiso e dell'inferno vivono tra noi, combattono un'antichissima guerra. E innamorarsi del nemico non è contemplabile. Ma un possibile incontro tra Kade e Cole scombinerà le regole, mentre il viaggio di Kade per mantenere la sua identità nascosta li catapulta insieme in una ragnatela di bugie, forzandola non solo ad affrontare il demone dentro di lei ma a rispondere alla domanda più difficile di tutte.


Qual'è più denso – il sangue o l'acqua?

GIUDIZIO PERSONALE:

Mi aspettavo una storiella tipo alla Romeo e Giulietta tra angeli e demoni invece la McMann ha sconvolto tutte le mie aspettative. Ha creato un mondo complesso di cui all'inizio ero piuttosto confusa ma poi pian piano si spiega tutto il meccanismo, le identità dei protagonisti, i loro poteri e anche un intrigo piuttosto inquietante. Nessuno sembra essere chi sembra, sopratutto Kade, e non si può certo dire che non ci sia la suspence.

Kade Sparrow non è una semplice adolescente di diciassette anni. Lei è una Primeva, una figlia del diavolo, che vive un'esistenza molto restrittiva. Nessun amico, nessun ragazzo e non deve assolutamente esporsi (ovvio). Visto che a causa del lavoro del padre, si trasferiscono spesso, non è stato poi così difficile non avere nessun contatto con gli altri finché non arrivano nella città dove abitano altri esseri come lei. Avrà finalmente delle nuove amiche e proverà per la prima volta cosa sia l'amore. Peccato che questo amore sia proibito. Cole Spires è un Primori, figlio celeste, tutto il contrario di lei. Un Primori e una Primeva non possono stare insieme, massimo diventare amici in rari casi ma amanti proprio no. Ma la situazione sarà più ingarbugliata di quanto si pensi.

Kade è sola e fin da piccola vive nella paura. E' una pedina in un gioco molto contorto e oscuro ma arriverà Cole a proteggerla e a farla sentire amata. Anche la vita del ragazzo non è stata per niente facile. Suo padre era un uomo severo e aveva modi piuttosto brutali per rafforzare suo figlio, per renderlo un Primori perfetto. Ancora porta le cicatrici dei suoi insegnamenti. Entrambi con un passato per niente roseo, Kade e Cole si trovano per non lasciarsi più andare. Lui sa che è sbagliato ma non può far a meno di sentirsi legato a lei e di volerla proteggere da tutto e tutti.

Mi è piaciuto molto il personaggio di Dennis, l'amico di Cole, e quello di Giselle, l'amica di Kade. Sono entrambi molto simpatici e fedeli a chi vogliono bene ed è impossibile non affezionarsi a loro.
Per quanto riguarda invece il comportamento di altri personaggi li ho trovati piuttosto infantili e irritanti ma si riescono a sopportare.

La parte romance prevale molto su quella fantasy e questo fatto non mi ha dato affatto fastidio. Tuttavia avrei preferito un finale meno affrettato e meno ripetizioni in tutto il romanzo. Le descrizioni e lo stile in sè della McMann sono molto dettagliati e ben fatti e la storia è scorrevole. Ammetto che ho amato questo libro anche perché ci ho trovato delle similitudini con la mia serie preferita, Shadowhunters (più nello specifico la serie The Mortal Instruments) ma anche perché l'autrice scrive in maniera sublime. Poteva migliorare nella strutturazione della storia ma in fatto di stile non ha nulla da invidiare alle "colleghe" più famose.
Un libro fantastico da leggere tutto d'un fiato e che vi farà venire il batticuore.



Grazie di cuore a Xpresso Book Tours per la copia omaggio in cambio di un'onesta opinione.

The review in english HERE


2 commenti: