martedì 28 luglio 2015

Anteprima Made in Italy - E tu, credi al Destino? di Kathrine J. Lee


Ciao a tutti! Purtroppo mi è successo un'imprevisto che mi ha scombinato i piani che avevo per la settimana. Il mio amato portatile non visualizza, rimane con lo schermo nero mentre tutto il resto si accende. Nel frattempo finchè non sistemo, dovrò usare il pc di mio padre (come adesso) ma tutti i programmi grafici e altro ce li ho nel mio. Spero di risolvere presto ma per ora ecco l'anteprima di un Made in Italy che potrete acquistare dai primi di agosto.

 
Titolo| E tu, credi al Destino?
Autore| © Kathrine J. Lee
Immagine di copertina| © Kathrine J. Lee
Pubblicazione| 3 agosto 2015 su Amazon
Pagine| 158
Genere| Romance
|Prezzo| 0,99 euro
Mail contatto| kathrinejlee@libero.it
Profilo facebook: www.facebook.com/Katrhinejlee
BookTrailer| https://www.facebook.com/Katrhinejlee/videos/100751330277345/?pnref=story


SINOSSI

Una giovane donna, un pittore, un segno impresso sulla pelle e nelle stelle.
Quando il destino intreccia i percorsi, accade sempre l'imprevedibile. Lo sa bene Allyson, che ha deciso di serrare il cuore, delusa dal suo unico amore. Ma arriverà qualcuno a salvarla dall'abbraccio della solitudine, qualcuno che porta con sé il disegno del fato.
Sotto il cielo di una San Francisco multicolore una giovane donna cercherà se stessa, ma verrà  trovata dall'amore.
E tu, credi al Destino?

AUTORE

Katrhine J. Lee è lo pseudonimo che ho scelto per questa storia e che forse confermerò per altri romance. Ho voluto mettermi in gioco ricominciando con un nome nuovo, con un nuovo genere letterario.
Ho sempre avuto grande curiosità nei riguardi di Amazon e dei romance, nonostante abbia sempre scritto e pubblicato altri generi. La mia è una scommessa, che spero voi lettori mi aiuterete a vincere.
Non escludo che un giorno possa rivelare il mio nome. Ma per ora, sono solo una maschera che tesse piccole storie per grandi cuori.
Ringrazio sin da ora chi si imbatterà per scelta o per caso in questa avventura.
E tu, credi al Destino?

                                                                                                                 K.J. Lee


ESTRATTI

Quel profumo aveva cullato i miei sensi per tutta una vita. Era con lui che sbocciava di nuovo, offrendomi un assaggio di paradiso. E mi sembrava davvero di sfiorarlo, ogni volta che le sue dita toccavano le mie e il suo sguardo si posava sulla mia pelle, graziandola come la pioggia in roventi giorni d'estate.
  A me bastava solo il colore delle sue iridi, in cui esplodeva l'oro del grano, la ferocia delle tigri e la pace del deserto.
Casa era ovunque sentissi il suo respiro.

***

Il tramonto si specchiava sulle tegole e i vetri delle case, rifrangendosi poi per le strade. Ethan e io profumavamo di salsedine, ce l'avevamo appiccicata alle caviglie e sui capelli, che si erano arricciati in piccole spirali salate e dorate. Persino i miei capelli si erano schiariti di un tono. Quelli del mio amico erano diventati del colore del grano a giugno e la sua pelle, ora brunita, metteva in risalto la singolare tinta dei suoi occhi. Non mi era mai sembrato tanto sensuale come in quel momento. Sì, lui lo era: ogni suo gesto trasudava la sua passione per la vita e dannazione portava dentro, quella che ogni artista cova nell'animo dal primo vagito. Ma quel giorno, il sole e il mare gli avevano conferito un'aria indomita e selvaggia, che avrei paragonato a quella di un lupo.

***

Ethan profumava di libri, non di quelli facili e a buon mercato, ma quei romanzi che sanguinano e fanno sanguinare. Di quelli che hanno vissuto mentre li si scriveva. E un uomo che si porta addosso quel profumo, ruba l'anima più di un sortilegio. Più di un libro stesso.
Ethan era fatto così: invece di accontentarsi di emozioni semplici, andava a cercare quelle vere, quelle che facevano implodere il cuore. Le trovava nei libri, sicché quelle che trovava sulle bocche di ragazze pressoché sconosciute, non gli bastavano.
Dovevo sfuggire da quel fascino che si portava addosso, come un mantello di stelle e, lui brillava davvero ai miei occhi.
Alzò lo sguardo e venne a salutarmi, cingendomi la vita con una lieve pressione della mano. Mi liquefeci in quel breve tocco.


2 commenti:

  1. Ciao cara! Ti lascio un piccolo tag, spero possa piacerti!

    https://raccontidalpassato.wordpress.com/2015/07/29/tag-promuoviamo-lautostima/

    RispondiElimina