lunedì 27 aprile 2015

Recensione - Ossessione color cremisi di Simona Liubicich


Autore -  Simona Liubicich
Editore - Harlequin Mondadori
Uscita - 14 Aprile 2015

Prezzo - 12,90 €

Londra, 1888  Nessuna donna può dirsi al sicuro, mentre le gelide nebbie invadono le strade della metropoli sulle riva del Tamigi. Né le più sfortunate, nei vicoli di Whitechapel, dove la minaccia di Jack lo Squartatore si annida nell'ombra. Né le dame dell'alta società vittoriana, schiave di rigide convenzioni e riti soffocanti, sottomesse a padri e mariti. Olivia Lancaster non fa eccezione. Figlia di un nobile molto in vista, viene promessa in sposa al più viscido e rivoltante degli uomini, nonostante lei si opponga con tutte le sue forze. D'altra parte Olivia è una ribelle per natura. Erborista e filantropa, non si considera affatto inferiore in quanto donna ed è disposta a rischiare di persona pur di ottenere ciò che vuole. Anche l'uomo che desidera. Ethan Rowland, Conte di Stafford è stato il suo sogno proibito fin da quando era una fanciulla ed ora è pronta persino a incastrarlo con una scena di seduzione per compromettersi con lui e indurlo alle nozze riparatrici. Ma se Ethan si trova d'accordo nel godere delle grazie peccaminose di Olivia, di certo non è uomo che ami essere manovrato. Nemmeno dalla più sensuale e scandalosa lady di tutta l'Inghilterra.


GIUDIZIO PERSONALE:

Questo libro è stato un continuo clichè. Lei, innocente giovane donna innamorata del classico libertino; lui, lo scapolo più ambito di Londra e che odia i legami come il matrimonio, ovviamente. Ma nonostante tutto, è stata una lettura molto piacevole e, cosa che ho davvero apprezzato, le scene di passione non cadono sul volgare. Dico così perchè purtroppo mi capita di leggere scene di sesso talmente dettagliate che sembrerebbe una visita ginecologica. Per fortuna questo non è il caso di Ossessione color cremisi.

Il 1888 è un epoca interessante ma allo stesso tempo terrificante. Per quanto ami l'era vittoriana, non posso fare a meno di rabbrividire ogni volta che leggo anche solo un accenno di ciò che ha fatto Jack lo squartatore.
Si sa, lui "operava" nel quartiere malfamato di Whitechapel e dintorni e le sue vittime erano prostitute. Ma è proprio in quella zona che la protagonista Olivia provava ad aiutare la povera gente e che Ethan bazzicava per scovare il famoso assassino.

Il personaggio di Olivia mi ha molto colpita per la sua indipendenza, forza di carattere e gentilezza verso il prossimo. Ma non posso dire lo stesso di Ethan che gli unici momenti in cui l'ho apprezzato è stato per le sue investigazioni e la passionalità che dimostra per la protagonista. Per il resto mi ha irritato la sua superficialità e da come si è fatto incastrare con facilità da lei. A lui non piace che la ragazza l'abbia costretto al matrimonio con l'inganno e fin qui comprendo la sua rabbia, poi lui giura vendetta e pensa di far pentire Olivia di averlo come marito. Peccato che la sua sete di vendetta sparirà presto come neve al sole e viene sostituita dalla lussuria e dall'amore che prova per la giovane donna. Insomma, non ha avuto molta forza di carattere XD Ho letto di uomini con più spina dorsale e che non ragionano sempre con gli attributi seppur libertini. Ma nonostante ciò, mi sono piaciuti come coppia e il fuoco che c'è tra loro è talmente grande da incendiare tutta Londra.

Vi consiglio di leggere questo libro? Sì, perchè anche se pecca di originalità e il protagonista maschile è un pò irritante, è una storia apprezzabile. La Liubicich vi trascinerà nella cupa Londra e tra delitti e sangue, godrete di un'appassionata storia d'amore che vi farà emettere più di un sospiro.

e mezzo

 

2 commenti:

  1. Dalla trama sembra un romanzo intrigante. ANche se dalla tua recensione si evince la poca originalità, lo aggiungo alla mia wishlist... prima o poi lo leggerò ^_^

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sì, a parte quei difetti, è un libro che ti consiglio ;) La suspence c'è e anche tanta passione.

      Elimina