venerdì 13 febbraio 2015

Recensione - Da quando non ci sei di Anouska Knight


Autore -   Anouska Knight
Editore - Harlequin Mondadori
Uscita - 10 Febbraio 2015
Prezzo - 10,90 €
ISBN - 9788861834927


Holly lavora in una pasticceria, chi meglio di lei potrebbe sapere che la vita è fatta a strati, proprio come una ricca torta? Ma a quanto pare non lo sa, e dopo la morte del marito si è rifugiata in una serena e pacata quotidianità, dedicandosi solo alla sorella e ai dolci. Finché un giorno, consegnando una torta, incontra l'enigmatico Ciaran Argyll. Le loro vite sono agli antipodi, ma l'attrazione non bada a certi dettagli. Lui le commissiona i dolci per una festa elegante che darà a casa propria, e Holly e il suo socio sono invitati, per poter incontrare un'altra cliente, interessata a ingaggiarli.
Ciaran e Holly a quanto pare non riescono a stare lontani, nonostante i tabloid e un passato ingombrante per entrambi.
Ma in fondo si può stare bene insieme anche se si è diversi come la panna e il cioccolato.


GIUDIZIO PERSONALE:

Ma che delizioso romanzo abbiamo qui. E' stato un vero piacere leggere ogni singola pagina. Può sembrare una storia trita e ritrita del donnaiolo che si redime e la lei vedova che viene consolata dal belloccio di turno. Ma non si tratterà solo di questo. E' un libro che consiglierei proprio come regalo di San Valentino. Insomma, ragazze, fatevi regalare questo titolo dal ragazzo o marito, se no che ci sta fare? :P Scherzi a parte, questa lettura mi ha preso davvero molto a tal punto che non ho quasi pranzato per finirlo in un giorno.

Holly Jefferson ha perso suo marito in un incidente. Sono passati circa due anni e lei non vuole più saperne dell'amore. Passa le giornate lavorando nella sua pasticceria con il cuore ben sigillato. Finchè non le si presenta l'uomo d'affari Ciaran Argyll. Affascinante e viziato, ha lasciato molti cuori spezzati (donne deluse nell'essergli sfuggito un gran bel portafoglio) nel suo cammino. Ma non appena poserà gli occhi su Holly, sarà subito attrazione. E' deciso, lei sarà la sua prossima preda. Quello che lui non sa, però, è che con lei non sarà affatto facile. Non è come le altre che hanno tentato di ingannarlo.


«Quindi tu sei una di quelle vecchio stampo.»
Mi arrestai accanto a un lungo tavolo dove una serie di fotografie in cornici d'argento testimoniavano la presenza di una famiglia in quella casa. «Cosa?»
«Scommetto che stai ogni notte ad aspettare che arrivi il Principe Azzurro a salvarti dal tuo forno difettoso, eh? E a portarti via, verso una storia a lieto fine.»
«Lieto fine? Non sto aspettando un lieto fine, Ciaran.»
«Sì, invece. Sei una donna. Sono sicuro che hai già pianificato tutto.»
E così lui era arrabbiato? Lui? Ma se non mi conosceva nemmeno. Non sapeva niente di me. Sì, avevo creduto nel Principe Azzurro. Ne avevo persino conosciuto uno. Ma no, nel lieto fine ormai non ci speravo più. Non esisteva, o era comunque fuori dalla mia portata.

Ciaran ha avuto un adolescenza difficile a causa della perdita della madre. E come se non bastasse ha sofferto molto anche per un altra donna che credeva fosse quella giusta e invece si è dimostrata poi una gran *bip*. Perciò ci troviamo con ben due cuori feriti. Sia per Holly che per Ciaran è dura provare a riaprire il proprio cuore. Sopratutto se le ferite non sono ancora rimarginate.



«Sei sempre stata così cocciuta? Oppure hai scoperto che ti piaceva macerarti nell'autocommiserazione quando è morto Charlie?»
Smisi di togliere i coperchi dalle vaschette. «Che cos'hai detto?»
«Le persone devono affrontare delle tragedie tutti i giorni, Holly. Non sei l'unica. Ma di sicuro sei una delle poche che le accettano senza nemmeno reagire.»
«Senza reagire? Ma se nemmeno mi conosci! Ogni giorno mi sveglio sapendo di dover andare avanti con questo peso, Ciaran. Cercando di non invidiare i miei genitori perchè sono sposati da tanti anni, o... o Jesse, per la sua esuberante vita sessuale, oppure mia sorella per il bambino che le sgambetta nella pancia!»
«E le vorresti anche tu, queste cose?» mi chiese, facendosi più vicino.
«Sì, le voglio!»
[...] 
«Eppure continui a vivere come Cora, e ad accettare passivamente la tua solitudine» disse piano.
[...]
«Tu invece vuoi vivere come tuo padre!» dissi, ma mi resi conto di non sapere bene come finire il discorso. «Finirai anche tu per diventare una persona... selvaggia come lui.»
 Ciaran mi afferrò il polso, facendomi cadere di mano la rosellina e il pennello.
Mi attirò a sé.
«Sì, voglio essere come mio padre. Voglio una donna che mi faccia impazzire d'amore, e che impazzisca d'amore per me. Mio padre ha amato mia madre fin dal primo giorno in cui l'ha vista giocare giù in strada, quando aveva otto anni, e da allora non ha mai smesso di amarla.»
Si sporse verso di me, ormai a dividerci c'era solo un respiro. Guardai le sue labbra quando ricominciò a parlare.
«Anch'io voglio provare quei sentimenti, Holly, anch'io voglio diventare pazzo d'amore. Voglio che sia davvero così
Un istante ancora, e le labbra di Ciaran furono sulle mie.

Lasciatevi conquistare dalla storia di Holly e Ciaran dal gusto dolce e... di colorante alimentare XD Quest'ultimo ha a che fare con una delle scene che ho preferito, quando leggerete capirete il motivo :P Sono romanticona ma anche pervertita. Nel frattempo spero vi siano piaciute le citazioni qui sopra.
L'unica pecca che ho trovato, secondo me, è stata in una parte finale (non dico quale per non spoilerizzare) svolta piuttosto frettolosamente e descritta poco, ma non mi ha rovinato la lettura.
Punteggio pieno per questa delizia ed ora... vado a mangiare una torta. Dimenticavo! State attenti a questo romanzo che può mettervi voglia di dolci.



Nessun commento:

Posta un commento