martedì 4 novembre 2014

Recensione - Black Ice di Becca Fitzpatrick

Autore - Becca Fitzpatrick
Collana - Piemme
Uscita - 7 Ottobre 2014
Dettagli - 360 pagine - cartonato con sovraccopertina
Prezzo - 16,90 €
ISBN - 9788856641035

Britt si è preparata per più di un anno a un trekking sul Teton Range. Quello a cui non era preparata, però, è scoprire che Calvin, il suo ex ragazzo e unico grande amore, si unirà a lei. Prima che Britt abbia tempo di esplorare i propri sentimenti, si scatena una terribile tormenta che la obbliga a rifugiarsi in una baita sperduta. Peccato che gli occupanti, entrambi giovani e molto affascinanti, siano anche due fuggitivi decisi a prenderla in ostaggio. Britt sa che la conoscenza dei sentieri e l'attrezzatura da trekking che ha con sé rappresentano la sua assicurazione sulla vita, e che deve solo resistere abbastanza a lungo perché Calvin la raggiunga, eppure... In una disperata corsa contro il tempo e il freddo, Britt scoprirà che sotto la neve si nascondono moltissimi segreti e che forse il suo rapitore, la cui gentilezza è decisamente seducente, non è quello che sembra.


 GIUDIZIO PERSONALE: 

Prima di tutto, ringrazio tantissimo la Piemme per avermi dato una copia di questo libro. Nonostante delle piccole pecche, mi è piaciuto. Sì piccole perchè anche se ci sono, non mi hanno rovinato la lettura. Storia molto scorrevole e semplice che a tratti mi ha emozionato e altri confuso.

All'inizio ho trovato la protagonista Britt piuttosto superficiale e della sua "migliore" amica non ne parliamo. Poi con il passare delle vicende e delle difficoltà che ha dovuto superare per sopravvivere, mi è nettamente migliorata. 
L'attrazione tra lei e il suo presunto "rapitore" è stata troppo affrettata secondo me. 
Lui, bello e misterioso, nasconde molti segreti tra cui il motivo per il quale si trova in quell'inferno di ghiaccio insieme a lei. Un momento prima è gentile e premuroso poi in un attimo si "trasforma" in un freddo criminale. Quale sarà il vero lui? E Britt può fidarsi di lui? Mason non è neanche il suo vero nome. Ha cambiato nome e vita per sete di vendetta. Una vendetta che lo perseguita da molti mesi.

La parte thriller diciamo che non è andata tanto male, quella che non mi ha convinto è stata più la parte romantica. Per non dire che molte scene sono state piuttosto scontate. Non ci è stata molta "suspence". Tuttavia, nonostante questi difettucci, ho apprezzato comunque questa lettura nella sua semplicità, anche se mi aspettavo di provare più emozione in un thriller. 

e mezzo

1 commento:

  1. La saga Hush Hush della Fitzpatrick mi è piaciuta tantissimo!! Sarò una di quelle in prima fila al botteghino per vedere il film x°D
    Questo libro non mi ispira invece... sarà perché ho letto moltissime recensioni negative, sarà perché si è allontanata dal paranormal romance, sarà che non mi piacciono molto i thriller, non lo so. Ma non sono certa che lo leggerò

    RispondiElimina